• 15/07/2024

All’AI Week il primo algoritmo in Italia capace di fare networking

 All’AI Week il primo algoritmo in Italia capace di fare networking

Foto da evento AI Week

Innovazione, in vista dell’AI week nasce il 1° algoritmo in Italia capace di fare networking grazie all’intelligenza artificiale

 

In attesa delle due giornate al Palacongressi di Rimini (20-21 aprile), le oltre 1000 organizzazioni che prenderanno parte all’evento riceveranno per la prima volta una lista di potenziali fornitori in grado di fornire loro soluzioni di IA utili a soddisfare richieste operative ed economiche. In questo modo sarà possibile imbastire con anticipo partnership strategiche da sviluppare al meglio in occasione dell’appuntamento in terra romagnola. Dietro alla realizzazione di quest’invenzione, già disponibile, c’è il lavoro di Giacinto Fiore e Pasquale Viscanti, co-organizzatori dell’AI Week e fondatori di IA Spiegata Semplice, che hanno collaborato con il Centro di Ricerche Semeion

La tecnologia del momento non conosce limiti e, day by day, conquista sempre più posizioni nelle gerarchie aziendali e nelle preferenze dei singoli manager e professionisti. L’intelligenza artificiale, tra presente e futuro, risulta la soluzione più gettonata dalle organizzazioni per crescere dal punto di vista operativo ed economico. Conferme in merito giungono dall’indagine condotta da Giacinto Fiore e Pasquale Viscanti, fondatori di Intelligenza Artificiale Spiegata Semplice e co-organizzatori dell’AI Week. In vista dell’evento in programma dal 17 al 21 aprile, infatti, i due professionisti hanno profilato tutte le oltre 1.000 realtà che prenderanno parte all’appuntamento “AI addicted”, e hanno scoperto che più di 1 realtà su 3 (37%) vuole utilizzare l’intelligenza artificiale per migliorare la qualità dei prodotti offerti, il 33% la sfrutterebbe per ottimizzare la customer care e il 31%, invece, concentrerebbe la propria attenzione sui singoli servizi. Entrando più nel dettaglio, la maggior parte delle aziende che parteciperà all’AI Week (75%) ha intenzione di integrare i propri sistemi con piattaforme d’intelligenza artificiale di ultima generazione e le stesse imprese vogliono effettuare questo cambiamento entro i prossimi sei mesi. Ma non è tutto perché le realtà più aperte a questo cambiamento sono quelle che contano un numero di dipendenti compreso tra 1 a 10 (315), seguono quelle che con un quantitativo da 11 a 50 (272), da oltre 200 (232) e, infine, da 51 a 200 (190). E ancora, la maggioranza delle aziende che hanno preso parte all’indagine appartengono al settore della consulenza (1° con 23%), seguito dal marketing (2° con 18%) e dalla metalmeccanica (3° con 15%).

Ora una domanda sorge spontanea: com’è possibile aiutare queste imprese ed avvicinarle a partner strategici in grado di fornire loro soluzioni di IA adeguate per i loro obiettivi? La risposta arriva proprio dai fondatori di Intelligenza Artificiale Spiegata Semplice che, in vista dell’AI Week e delle due giornate in presenza al Palacongressi di Rimini, hanno ideato il 1° algoritmo 100% made in Italy dotato d’intelligenza artificiale per facilitare la connessione tra i due estremi insieme alla collaborazione instaurata con il Centro di Ricerche Semeion. Entrando più nel dettaglio, Fiore e Viscanti hanno profilato le aziende insieme alle loro necessità e, attraverso l’innovazione, saranno in grado di fornire loro un elenco di potenziali partner: questi a loro volta avranno l’opportunità di proporre loro delle soluzioni di IA studiate ad hoc per soddisfare le richieste delle imprese in questione e ottimizzare così servizi e prodotti finali. “Grazie a quest’invenzione di ultima generazione promuoviamo e facilitiamo il networking – affermano Giacinto Fiore e Pasquale Viscanti, co-organizzatori dell’AI Week e fondatori di IA Spiegata Semplice – In vista dell’AI Week e del 20-21 aprile non esiste migliore opportunità per iniziare a conoscersi e collaborare al fine di perfezionare i propri servizi e crescere in termini di business. Oltre che educare le organizzazioni sulle opportunità offerte dall’IA, l’evento sarà anche una grande opportunità per strutturare relazioni professionali e partnership strategiche”.

Dalle aziende si passa nello specifico ai fornitori grazie ad un sondaggio ad hoc che coinvolto 85 realtà del panorama nazionale: a questo proposito, dall’indagine emerge che il 77% dei potenziali partner propone soluzioni di IA utili a migliorare i processi aziendali, il 70% per incrementare i risultati a livello di marketing e vendite e il 63% per ottimizzare i singoli servizi. Il 55% dei fornitori coinvolti ha già clienti che stanno utilizzando le proprie soluzioni di IA nel settore banking o finance, il 40% nell’ambito e-commerce e ICT e il 37% nel mondo del retail. Inoltre, il 95% delle organizzazioni analizzate è in grado di fornire soluzioni d’intelligenza artificiale entro sei mesi, le quali, nel 51% dei casi, possono essere integrate con i sistemi utilizzati dai clienti. Nel 75% dei casi, vengono fornite delle soluzioni personalizzate a seconda delle esigenze dei partner e, nel 62% delle probabilità, le soluzioni stesse vengono strutturare da un team di sviluppatori che può essere integrato nell’azienda che richiede il servizio. “Da piccoli dati è possibile ricavare grandi informazioni – dichiara Massimo Buscema, Direttore del Centro di Ricerche Semeion – Insieme a Giacinto e Pasquale è stato effettuato un importantissimo lavoro di ricerca e analisi. Si tratta di una prima volta in Italia e non esiste strumento migliore dell’intelligenza artificiale per rendere il tutto efficace ed immediato agli occhi di tutti i manager e i professionisti che hanno deciso di abbracciare il futuro”.

 

Leggi altre notizie in Primo Piano

Redazione

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

ADV

Leggi anche