• 20/04/2024

Comune che vai fisco che trovi

 Comune che vai fisco che trovi

Diego Benatti direttore di Cna Ferrara

Il 6 luglio gli imprenditori ferraresi festeggiano il Tax Free Day: lo dice la ricerca “Comune che vai fisco che trovi” di Cna nazionale

Presentata la ricerca Cna – Il fisco italiano è pesante ma la situazione complessiva, anche grazie alle proposte di Cna, è migliorata.

Scatta il 6 luglio il Tax Free day per gli imprenditori ferraresi. Quel giorno infatti, con le loro aziende o attività autonome, smetteranno di lavorare per pagare tasse e tributi, e cominceranno finalmente a lavorare per guadagnare e produrre reddito.

È questo il risultato che emerge dall’edizione 2023 della ricerca “Comune che vai Fisco che trovi” realizzata come ogni anno da Cna Nazionale. Un imprenditore ferrarese, stabilisce la ricerca, lavora mediamente 188 giorni per pagare tasse e tributi a cui deve versare il 52% dei ricavi aziendali; gli altri 177 giorni rappresentano l’effettivo guadagno (48% del totale) che può essere speso nelle esigenze e nei consumi famigliari.

Il total tax rate (cioè l’aliquota fiscale globale) per le imprese del Comune di Ferrara, rapportata al 2022, è pari al 51,5%: con questo risultato Ferrara si piazza al 30esimo posto tra i 114 comuni capoluogo di provincia analizzati dalla ricerca. Il primo della classifica è Bolzano, con un Total tax rate del 46,7% e un Tax Free Day al 18 giugno. Nelle ultime dieci posizioni della classifica figura, tra le altre, Bologna, che si classifica 105esima con un tax rate del 56,1% e un Tax free day al 23 luglio.

La ricerca “Comune che vai fisco che trovi” di Cna registra un miglioramento reale della situazione fiscale delle imprese: per quanto riguarda Ferrara il miglioramento si concretizza in una notevole riduzione del total tax rate rispetto al 2019: all’epoca l’aliquota globale era infatti pari al 58,7%, Ferrara si classificava 47esima a livello nazionale e il Tax Free Day per gli imprenditori ferraresi scattava il 30 luglio.

La ricerca CNA – spiega il direttore di Cna Ferrara Diego Benatti, presente all’iniziativa ufficiale di Roma – dimostra un oggettivo miglioramento della situazione fiscale delle imprese ferraresi e italiane, dovuto anche all’impegno e alle proposte avanzate dall’Associazione, in questi anni, a livello nazionale e locale. Resta, ovviamente, molta strada da fare. Cna, nella ricerca, ha elencato una serie di sette proposte molto circostanziate che puntano a ridurre la tassazione sulle imprese.

Accanto a una seria lotta all’evasione fiscale, chiediamo ad esempio che si completi al più presto l’eliminazione dell’Irap, che si introduca un regime di tassazione agevolata per premiare chi investe nella propria impresa personale, che si proceda con la riforma del catasto avvicinando il valore catastale tassato al mutevole valore di mercato degli immobili, che si agevoli il passaggio generazionale delle imprese individuali. Queste e altre proposte possono contribuire a rendere più ragionevole il sistema fiscale italiano che oggi drena una quantità eccessiva di risorse penalizzando le aziende italiane“.

La ricerca “Comune che vai fisco che trovi” è stata presentata a Roma, presso la sede di Cna Nazionale da Claudio Carpentieri, responsabile del dip. Politiche fiscali dell’associazione: erano presenti il Presidente CNA Dario Costantini, il ViceMinistro economia e finanze Maurizio Leo, il Senatore della lega Massimo Garavaglia, il senatore PD Antonio Misiani e il senatore M5S Mario Turco.

Da Cna Ferrara

Leggi altre storie di copertina

Redazione

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

ADV

Leggi anche