• 29/01/2023

FAAC riconosciuto Marchio Storico di Interesse Nazionale

 FAAC riconosciuto Marchio Storico di Interesse Nazionale

FAAC – Sede

FAAC riconosciuto Marchio Storico di Interesse Nazionale dal MISE: “Grande orgoglio e stimolo per continuare a migliorare”

Il marchio FAAC è stato iscritto nel Registro Speciale dei Marchi Storici di interesse nazionale, istituito dal MISE – Ministero per lo Sviluppo Economico con l’obiettivo di valorizzare marchi di eccellenza con una continuità operativa di oltre 50 anni e storicamente collegati al territorio nazionale. Il logo “Marchio Storico”, di cui da questo momento può fregiarsi l’azienda che ha sede a Zola Predosa (BO), è uno strumento innovativo per tutelare la proprietà industriale delle aziende storiche del Made in Italy.

 

emilia romagna - FAAC_MARCHIO_STORICO1

Con l’iscrizione nel Registro Speciale l’azienda, leader nelle soluzioni di accesso per il settore residenziale e industriale, potrà ora aderire anche all’Associazione “Marchi Storici d’Italia”, partecipandovi attivamente. L’Associazione promuove l’importanza strategica dei Marchi Storici italiani e lavora per dare loro impulso quale leva di competitività e internazionalizzazione per l’intero Sistema Paese, promuovendo un’alleanza pubblico-privata con l’obiettivo comune di potenziare il Made in Italy.

Il nostro marchio è diventato sinonimo in Italia, e anche all’estero, di automazioni per accessi grazie all’impegno costante che da quasi 60 anni viene messo nel migliorare giorno dopo giorno i nostri prodotti – commenta il presidente del Gruppo FAAC, Andrea Moschetti. Vedere FAAC iscritto nel registro dei marchi storici di interesse nazionale ci riempie di orgoglio perché è innanzitutto un prestigioso riconoscimento alla capacità imprenditoriale prima di Giuseppe Manini e poi di suo figlio Michelangelo, che ha contribuito in maniera rilevante a portare l’azienda alle dimensioni attuali. È inoltre un riconoscimento per tutti coloro che lavorano in FAAC,  per i partner ed i distributori che non hanno mancato di sostenere l’iniziativa per ottenere il marchio storico. Per l’attuale management è la conferma della storia importante e dei valori fondanti che abbiamo alle spalle ed è di stimolo e di responsabilità anche per il futuro: ci rende infatti ancora più consapevoli di operare non solo per il bene della nostra azienda ma anche all’interno di un Sistema Paese e per un Made in Italy a cui FAAC vuole continuare a portare il proprio contributo di innovazione e qualità”.

La “Fabbrica Automatismi Apertura Cancelli” è nata nel 1965 per iniziativa di Giuseppe Manini, all’epoca imprenditore edile, che di fatto inventò i cancelli automatici. Manini aveva infatti notato che i cancelli delle abitazioni restavano sempre aperti perché, dopo essere scesi dall’auto per aprirli, nessuno si curava di richiuderli. Dall’idea alla realizzazione il passo fu breve: in poco tempo Manini creò un piccolo capolavoro di  tecnologia oleodinamica: il 750 interrato, il primo sistema di movimentazione automatica per cancelli. Seguirono poi i primi modelli a battente esterno e tanti altri prodotti che avviarono il successo dell’azienda e lo sviluppo di un innovativo processo industriale con alti standard di qualità e con la creazione di una rete vendita per la distribuzione dei prodotti. Dalla fine degli anni ’70 cominciarono a nascere le consociate FAAC, prima in Europa e poi, passo dopo passo, in  altri continenti. A 57 anni dalla nascita, FAAC può vantare oltre 75 brevetti, 3800 collaboratori, 34 aziende commerciali e 80 distributori in tutto il mondo. A tutt’oggi, FAAC è una delle poche aziende del settore a progettare e fabbricare internamente tutta la produzione.

 

 

Emilia Romagna Economy

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

Leggi anche