• 26/05/2024

Imprese bolognesi: reperimento personale

 Imprese bolognesi: reperimento personale

A maggio +12% la domanda di personale delle imprese bolognesi. Il 40%  delle ricerche rivolte a giovani, Scende al 48% la difficoltà di reperimento

A maggio la domanda di lavoro è aumentata del 12% rispetto ad aprile, con 9.400 entrate programmate dalle imprese (+1.010 unità). Rispetto a maggio 2023 sono 770 ricerche di personale in più (+8,9%).

Fra maggio e luglio 2024 si prevedono 27.620 opportunità di lavoro, 200 in più rispetto alle previsioni del precedente trimestre aprile – giugno 2024 (27.420 posti).

Nel 27% dei casi si prevedono contratti stabili (21% contratto a tempo indeterminato e 8% di apprendistato), mentre nel 73% saranno a termine (50% a tempo determinato e 23% altri contratti con durata predefinita).

Le entrate previste si concentreranno per il 73% nel settore dei servizi e per il 50% nelle imprese con meno di 50 dipendenti.

Il 27% sarà destinato alle professioni commerciali e dei servizi, il 24% a dirigenti, specialisti e tecnici, il 22% ad operai specializzati e conduttori di impianti.

Il 19% delle entrate previste sarà destinato a personale laureato, il 26ai diplomati.

A maggio circa 3.700 assunzioni (mediamente quattro su dieci) saranno rivolte espressamente a giovani con meno di 30 anni. Le figure high skills più ricercate per questa fascia d’età sono: i “Tecnici dei rapporti con i mercati” (con 100 assunzioni programmate nel mese), i “Tecnici in campo ingegneristico” (80) e i “Tecnici informatici, telematici e delle telecomunicazioni” (60).

In calo la difficoltà di reperimento, che interessa il 48,4% dei profili ricercati. La motivazione principalmente indicata dalle imprese è la “mancanza di candidati” per il 31% delle entrate, con una quota molto superiore all’altra motivazione, la “preparazione inadeguata” (13%).

In particolare le difficoltà più elevate riguardano:

  • 140 Fonditori, saldatori, lattonieri, calderai, montatori di carpenteria metallica (86,6%)
  • 300 Operai specializzati addetti alle rifiniture delle costruzioni (86,3%)
  • 120 Professioni qualificate nei servizi sanitari e sociali (82,1%)

Le tre figure professionali più richieste concentreranno il 31% delle entrate previste:

  • 1.220 Esercenti ed addetti nelle attività di ristorazione
  • 940 Addetti alla vendita
  • 710 Personale non qualificato nei servizi di pulizia

Tutti gli approfondimenti sul sito web

 Leggi altre storie di copertina

Redazione

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

ADV

Leggi anche