• 26/05/2024

Impronta Etica: il programma 2024

 Impronta Etica: il programma 2024

Nuovi soci, progetti europei e focus sui giovani nel programma 2024 di Impronta Etica

Alla vigilia dell’entrata in vigore degli obblighi sulla rendicontazione sociale e ambientale delle imprese, l’Associazione nella sua prima assemblea dell’anno traccia il bilancio del 2023 e delinea le attività 2024.

Sì è svolta giovedì scorso nella sede di Coop Alleanza 3.0 la prima assemblea dell’anno di Impronta Etica, il network di imprese nato nel 2001 per facilitare i processi di innovazione verso la sostenibilità strategica nelle imprese.

Alla vigilia dell’entrata in vigore della normativa europea sugli obblighi di rendicontazione sociale e ambientale delle imprese, l’Associazione ha focalizzato la sua attività 2023 sulla formazione nella promozione della diversità e dell’inclusione, sull’aggiornamento normativo e sulla ricerca delle strategie più efficaci per generare cambiamento e accelerare la transizione verso un’economia più sostenibile.

Emblematiche le iniziative sulla risorsa acqua, come il percorso “Water Pledge” (“Patto per l’acqua”) avviato lo scorso autunno e sottoscritto da 15 soci, e sull’individuazione di buone prassi facilmente attuabili dalle imprese, obiettivo della ricerca “Dall’innovazione all’azione”, in collaborazione con Sustainability Makers, presentata di recente a Bologna.

Il 2023 ha visto anche l’entrata nella compagine di due nuovi soci: GranTerre (1,5 miliardi di fatturato nel 2022, 19 stabilimenti in Italia e oltre 2mila persone tra dipendenti e collaboratori) e Re2n (piccola impresa di consulenza sulla digitalizzazione e la sostenibilità). I soci ad oggi sono 37 e rappresentano vari settori industriali, come l’agroalimentare, i trasporti, i servizi, la finanza e le costruzioni. Diverse sono le dimensioni delle imprese appartenenti al network, dalle grandi alle micro.

Importante risultato dell’anno scorso è stata l’assegnazione del progetto europeo Biodiversity Alliance for Sustainable Management, finalizzato a diffondere modelli produttivi rispettosi della natura e della biodiversità. Guidato da CSR Europe e Wildlife Habitat Council (WHC), nel partenariato vede Impronta Etica come unica associazione insieme a otto grandi gruppi industriali come Autostrade per l’Italia, BASF, Coca-Cola HBC, Hitachi, Leonardo, PPC S.A., Syensqo e Titan Cement Company.

Per il 2024, oltre a diversi eventi divulgativi sulla Responsabilità d’Impresa, come la Tappa bolognese del Salone della CSR e dell’Innovazione sociale, quest’anno per la prima volta inserita all’interno del Festival dello Sviluppo Sostenibile Asvis che si terrà il 14 maggio prossimo in Sala Borsa.

Il proseguimento del lavoro sul tema del risparmio idrico, i servizi individuali alle imprese, e numerosi altri incontri di formazione, aggiornamento e networking tra Soci: è in programma l’attivazione di un gruppo di lavoro dei giovani delle imprese associate, con l’obiettivo di approfondire il tema delle nuove generazioni e del loro rapporto con il mondo del lavoro.

Proseguiranno inoltre le testimonianze dell’associazione nelle università del territorio, in particolare sarà rafforzata la collaborazione con l’Università di Bologna e con il corso di Laurea in Management dell’economia sociale, dove il 23 maggio si svolgerà un seminario pubblico incentrato sul tema della digitalizzazione e del suo impatto sulla sostenibilità

Per la realizzazione del folto programma delle attività, Impronta Etica a fine 2023 ha ampliato di un’unità il proprio organico e conta oggi quattro persone in staff.

Leggi altro in primo piano

Redazione

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

ADV

Leggi anche