• 01/12/2022

Missione dell’Unione Europea 100 città a impatto climatico zero entro il 2030

 Missione dell’Unione Europea 100 città a impatto climatico zero entro il 2030

Firmato oggi il Protocollo tra le nove città italiane selezionate e il Ministro del MIMS Enrico Giovannini

L’assessora Anna Lisa Boni, nominata Mission Manager, coordinerà l’attuazione degli obiettivi per il primo anno come Segretaria del Tavolo tecnico e del Comitato di coordinamento
È stato firmato oggi il protocollo d’intesa tra il Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini e i sindaci e gli assessori delle nove città italiane selezionate lo scorso aprile dalla Commissione Europea tra le 100 città europee che partecipano alla cosiddetta Cities Mission delle città intelligenti e a impatto climatico zero entro il 2030. La Giunta aveva deliberato l’adesione al Protocollo martedì scorso. Le città italiane che hanno firmato con Bologna sono Bergamo, Firenze, Milano, Padova, Parma, Prato, Roma e Torino e insieme, grazie al protocollo, collaboreranno su progetti e scambio di esperienze per il perseguimento degli obiettivi di neutralità carbonica della Missione europea entro il 2030. Le cento città selezionate nei 27 Paesi membri dell’UE faranno infatti da apripista cercando di raggiungerla in anticipo e aiutando tutte le altre, mentre il traguardo europeo è fissato per il 2050.

Il Protocollo tra le nove città ed il governo è soprattutto finalizzato a identificare e promuovere soluzioni, normative ed operative volte a superare le criticità progettuali e attuative che oggi ostacolano il perseguimento della Missione delle Città, come per esempio la diffusione di impianti di rinnovabili. L’idea è anche quella di sviluppare progetti specifici in materia di decarbonizzazione dell’edilizia e dei trasporti, del risparmio energetico, dell’economia circolare, della forestazione urbana, ecc attraendo fondi privati e pubblici per la realizzazione dei piani di investimento di ciascuna delle nove città dovrà elaborare. Sarà anche un veicolo per sviluppare e mettere a sistema sperimentazioni in questi campi che possano essere adottate anche da altre città.

Per entrare subito nell’operatività, il Protocollo affida per il primo anno la segreteria del Tavolo tecnico (che avrà funzioni di tipo propositivo, coordinamento e implementazione delle proposte), in qualità di Mission Manager e rappresentante per le nove città, ad Anna Lisa Boni, l’assessora del Comune di Bologna con delega a fondi europei, cabina di regia PNRR, coordinamento transizione ecologica, patto per il clima e candidatura “Città carbon neutral” e relazioni internazionali. Anna Lisa Boni parteciperà anche alle riunioni del Comitato di coordinamento, composto dai nove sindaci e dal Ministro, che avrà il compito di definire gli obiettivi e le forme della collaborazione sulla base delle proposte del tavolo tecnico.

Leggi anche