• 13/06/2024

Nuovi contratti in crescita a Reggio Emilia

 Nuovi contratti in crescita a Reggio Emilia

Nuovi contratti in crescita. Nel 38% dei casi si cercano under 30. Continua a crescere il numero dei nuovi contratti di lavoro che saranno attivati a Reggio Emilia

Per il trimestre luglio-settembre, infatti, i dati rilasciati dal Sistema informativo Excelsior e analizzati dall’Ufficio Studi della Camera di Commercio, parlano di 13.900 nuovi contratti, con un aumento del 15,07% rispetto allo stesso periodo del 2022.

Già il dato mensile riferito al corrente mese di luglio mostra un incremento del 13,30% rispetto allo stesso mese del 2022, e i 4.600 nuovi contratti che si realizzeranno evidenziano una decisa crescita anche rispetto al periodo pre-pandemico, con un + 39,82% rispetto al luglio 2019.

Come già avvenuto lo scorso mese, il settore dei servizi, che si prevede assorba il 61,08% di tutte le nuove entrate del mese di luglio, esprimerà la maggior parte dei nuovi contratti con 2.810 unità (+ 12,40 % rispetto al dato del luglio 2022), delle quali 1.060  nel comparto dei servizi alle imprese (-4,50 % rispetto al luglio 2022), 670 nei servizi di ristorazione ed alberghieri (+21,82% rispetto al luglio 2022), 660 nel  commercio (+ 57,14 %) e 420 nei servizi alle persone, dato uguale a luglio 2022.

Per il settore industriale i nuovi contratti previsti entro luglio sono 1.780, un +13,38% rispetto allo stesso mese del 2022; la maggior parte si concentrerà nell’industria manifatturiera e nelle public utilities (1.480 unità, +13,38% rispetto a luglio 2022) e nelle costruzioni, con 310 nuovi ingressi, il 40,91% in più rispetto all’anno precedente.

Considerando la tipologia contrattuale, nel 25% dei casi (dato superiore di due punti a quello dello scorso mese di giugno) le entrate previste saranno stabili, ossia con un contratto a tempo indeterminato o di apprendistato, mentre nel 75% saranno a termine (a tempo determinato o con altri contratti con durata predefinita).

Proseguono, nel frattempo, le difficoltà delle imprese – nel 56% dei casi – nel reperire i profili desiderati: tra le figure più ricercate nell’ambito dirigenziale e con elevata specializzazione tecnica si segnalano quelle in campo chimico-farmaceutico (di difficile reperimento nel 95,5% dei casi), in ambito umanistico, filosofico, storico e ad indirizzo artistico (nel 95,0% dei casi), in ambito sanitario e paramedico (nell’88,1% dei casi)  ed in ambito ingegneristico industriale (nel 74,5% dei casi).

Nell’ambito degli impiegati e delle professioni commerciali e nei servizi, sono difficilmente reperibili gli operatori per costruzioni, gli esperti in campo ambientale e del territorio (73,3%), gli addetti alla produzione e manutenzione industriale ed artigianale (81,1%), gli addetti del settore turismo ed enogastronomia ed ospitalità (71,9%) e gli addetti nell’ambito di meccanica e meccatronica ed energia (nel 71,9% dei casi).

Tra le altre figure, risultano di difficile reperimento gli operai specializzati nella riparazione di veicoli a motore (nel 94,1% dei casi), gli operai edili (86,1% dei casi), gli operai meccanici ed elettrici (58% dei casi).

Per una quota pari al 38% i nuovi ingressi nel mondo del lavoro interesseranno giovani con età inferiore ai 30 anni. Un dato che rimane comunque costante è quello relativo all’esperienza professionale specifica o nello stesso settore, che viene richiesta al 58% del totale dei nuovi assunti.

Da Camera di Commercio di Reggio Emilia

Leggi altre storie di copertina

Redazione

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

ADV

Leggi anche