• 26/11/2022

Radici e valore per il futuro: Confindustria Emilia-Romagna festeggia cinquant’anni

 Radici e valore per il futuro: Confindustria Emilia-Romagna festeggia cinquant’anni

Quest’anno Confindustria Emilia-Romagna celebra il Cinquantennale della propria fondazione, avvenuta il 23 febbraio 1972. Per festeggiare la ricorrenza gli imprenditori emiliano-romagnoli si troveranno a Bologna, insieme ai Past President e a tanti protagonisti della società regionale, per una riflessione sul passato e sulle prospettive dell’Emilia-Romagna.

Nell’occasione Confindustria regionale ha realizzato un’analisi che presenterà durante l’incontro “50 anni! Radici e valori per il futuro” il 27 aprile mattina all’Opificio Golinelli.

Il rapporto, realizzato con la collaborazione scientifica di Prometeia, approfondisce i cambiamenti dell’Emilia-Romagna dal 1972 ad oggi partendo dai quattro pilastri dello sviluppo economico sociale indagati con il Progetto “Traiettoria 2030”: benessere economico, ambiente e qualità della vita; capitale umano; imprese e innovazione; reti e internazionalizzazione.

«In questi cinquant’anni la nostra regione  – dichiara il Presidente di Confindustria Emilia-Romagna Pietro Ferrari − ha profondamente mutato il proprio volto dal punto di vista economico, demografico e sociale. Conoscere le proprie radici è fondamentale per avere una visione del futuro. L‘analisi dei cambiamenti dagli anni Settanta ad oggi delinea traiettorie fondamentali anche per gli anni a venire: penso prima di tutto alla demografia, all’immigrazione e al capitale umano».

All’incontro interverranno il Presidente di Prometeia Angelo Tantazzi, l’Assessore allo Sviluppo economico e green economy, Lavoro, Formazione della Regione Emilia-Romagna Vincenzo Colla, l’editorialista de La Stampa e docente dell’Università Mercatorum Massimiliano Panarari e l’astronauta  Maurizio Cheli.                              Concluderà i lavori il Presidente di Confindustria Carlo Bonomi. L’incontro sarà visibile in streaming sul canale Youtube di Confindustria Emilia-Romagna         

Leggi anche