• 26/05/2024

Unione Terre e Fiumi: piano strategico

 Unione Terre e Fiumi: piano strategico

Cna verso una proposta di piano strategico per il territorio dell’Unione Terre e Fiumi.  Nuovo incontro del tavolo dell’Imprenditoria con i sindaci di Tresignana, Riva del Po, Copparo

“Cna sta definendo una propria proposta di piano strategico per il territorio dell’Unione Terre e Fiumi, su cui intendiamo confrontarci con i candidati sindaci alle prossime elezioni amministrative. Per questo, come Tavolo dell’imprenditoria, abbiamo chiesto un incontro ai sindaci del territorio: il nostro obiettivo è conoscere lo stato dei progetti presenti e futuri portati avanti dalle diverse amministrazioni dell’Unione”. Thomas Pivanti, Presidente di Cna Copparo, ha illustrato così le ragioni dell’incontro che, mercoledì sera, ha visto coinvolti i sindaci di Copparo, Riva del Po e Tresignana con i vertici della Cna di Copparo e provinciale.

I sindaci presenti all’incontro, che si è svolto in videoconferenza, hanno illustrato i progetti e gli investimenti in corso: tra questi, il comune progetto Smart Garden Terrefiumi, che accomuna i tre territori e punta alla valorizzazione dei parchi pubblici urbani.

La sindaca Laura Perelli di Tresignana ha illustrato gli interventi in corso o in programma nel suo Comune: tra questi segnaliamo l’ampliamento del nido di Formignana per 600mila euro e l’adeguamento sismico di elementari e medie per 1.550.000 euro. Sono in conclusione gli interventi sull’illuminazione pubblica per 1.400.000 euro. A Formignana, inoltre, sono in fase di conclusione le opere di riqualificazione dell’area sportiva ‘Mazzanti’ e sono stati avviati gli interventi di riqualificazione dell’area mercatale di via Vittoria. Hanno preso il via i lavori di asfaltatura su strade e marciapiedi comunali. Il progetto Smart Garden  per Tresignana prevede la riqualificazione del Parco degli Sceriffi di Tresigallo.

Il sindaco Andrea Zamboni  di Riva del Po ha individuato, per i prossimi anni, un obiettivo a cui dedicare investimenti: incentivare il turismo lento lungo la ciclabile “Destra Po”. Per questo si procederà al recupero del tratto compreso tra Bondeno e Ro in collaborazione con AIPO. Un progetto da 400mila euro, inoltre, permetterà la realizzazione del nuovo Mulino del Po. Novità anche sul versante sicurezza, perché è in partenza un progetto di videosorveglianza del territorio.

Fabrizio Pagnoni, sindaco di Copparo, nel proprio intervento ha sottolineato l’importanza delle numerose attività che vengono svolte sul territorio, per esempio in ambito scolastico, in collaborazione con Cna. Con l’associazione il primo cittadino condivide l’assoluta soddisfazione per l’affidamento dei quattro cantieri Pnrr ad aziende del territorio: i lavori di rigenerazione urbana, per cinque milioni di euro, sono tutti attivati. Sono invece in attesa di riscontro i progetti su edifici strategici delle frazioni e sulle piste ciclabili presentati al tavolo Focus Ferrara per l’economia. Non solo Pnrr: è in previsione un quinto step di asfaltature per 900mila euro e la manutenzione per circa un milione di euro di scuole, strutture sportive e viarie.

Thomas Pivanti ha ringraziato i sindaci per la concretezza degli interventi, e ha espresso un certo rammarico per l’assenza delle altre associazioni: “vorremmo che a questo tavolo – ha detto – fossero presenti tutte le rappresentanze locale dell’imprenditoria, per lavorare insieme. Cna, in ogni caso, intende andare avanti”.

Il direttore di Cna Ferrara, Matteo Carion, presente all’incontro, ha confermato gli obiettivi di Cna Ferrara: “elaboreremo una piattaforma di proposte che partirà dalle esigenze espresse dalle imprese e la sottoporremo ai candidati alle prossime elezioni e, successivamente, agli amministratori eletti. Ferrara Sviluppo Imprese, la società costituita insieme a Confartigianato e Confcooperative, può validamente affiancare gli enti locali del territorio nella progettazione strategica e permettere loro di cogliere opportunità e canali di finanziamento”.

“Salvaguardia del territorio, turismo, ricambio generazionale, formazione dei giovani, sono le priorità su cui operare con la massima urgenza – ha detto Amelia Grandi, responsabile dell’area economica di Cna Ferrara, che ha aggiunto: “solo dialogando in modo costante e ragionando in termini di medio e lungo periodo si possono creare possibilità di sviluppo”.

Sulla necessità di formare nuovo personale ha puntato la responsabile di Cna Copparo Debora Occhiali: “il problema quotidiano delle imprese del territorio è trovare personale qualificato. Bisogna quindi investire di più in formazione, e parallelamente, fare orientamento, per consentire a giovani e giovanissimi di scegliere tra lavoro dipendente e lavoro autonomo imprenditoriale”.

Leggi altro in primo piano

Redazione

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

ADV

Leggi anche